Adam e Ramy otterranno la cittadinanza italiana: anche Salvini è per il sì

Dopo qualche titubanza, anche Salvini ha ceduto e ha dichiarato che presto sarà avviato l’iter per la concessione della cittadinanza italiana ad Adam e Ramy, i ragazzini di origine rispettivamente marocchina ed egiziana, che lo scorso 20 marzo si trovavano sull’autobus preso in ostaggio dall’autista Ousseynou Sy nei pressi di Milano e che, chiamando la polizia, hanno evitato che si compisse una strage .
L’autista e l’autore del folle gesto, un senegalese di 47 anni, che attualmente si trova in carcere con l’accusa di sequestro di persona e di strage con finalità di terrorismo, avrebbe minacciato di uccidere i cinquantuno ragazzi all’interno dell’autobus per vendicare le morti nel Mediterraneo. I due piccoli eroi con grande coraggio sono riusciti a nascondere il cellulare e a chiamare i soccorsi, facendo in modo che la vendetta del senegalese non fosse portata a termine.
Dopo questi fatti, si è subito diffusa la notizia che il padre di Ramy avesse chiesto che fosse concessa la cittadinanza ai due ragazzi, notizia poi smentita dall’uomo stesso che ha accusato i giornalisti e i politici di strumentalizzare questa vicenda per ridare importanza allo Ius soli. Nonostante ciò, la notizia presto ha fatto il giro delle maggiori testate giornalistiche e si è cominciato a chiedere la cittadinanza per i due eroi. Ma a causa di alcuni presunti precedenti penali proprio del padre di Ramy, Salvini aveva dichiarato che prima di qualsiasi passo in avanti, bisognava che fossero fatti i dovuti controlli: “Le cittadinanze non le posso regalare e per dare le cittadinanza ho bisogno di fedine penali pulite”. Ieri finalmente è arrivata la notizia. “Ha dimostrato di aver capito i valori di questo paese. Per atti di bravura o coraggio le leggi si possono superare”, ha dichiarato il Ministro dell’Interno.
E mentre egli dice di aver preso da solo questa decisione, Di Maio dichiara di essere felice di averlo convinto, affermando anche di avere inviato, già qualche giorno fa una lettera ai ministeri competenti affinché potesse essere conferita la cittadinanza ai due ragazzi per motivi speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *