96 politici siciliani indagati: c’è anche Totò Cuffaro

Cuffaro: scarcerato nel 2015. Ora di nuovo indagato.

La procura di Termini Imerese (PA) sta indagando assessori regionali, deputati e sindaci. Pare che ci siano ex coordinatori di punta della Lega ed esponenti del PD.

Novantasei sono i politici indagati tra assessori regionali, deputati e sindaci dalla Procura di Termini Imerese per voto di scambio.

Sul registro degli indagati compaiono: Totò Cuffaro, ex governatore della Sicilia, Alessandro Aricò capogruppo all’Ars di “diventerà bellissima” e Francesco Giunta Sindaco di Termini Imerese. Tremano anche i grillini siciliani che chiedono subito le dimissioni di Angelo Attaguile e Alessandro Pagano, ex coordinatori della Lega.

A fare scalpore è stata l’inchiesta dei fratelli Caputo, in particolare Salvino che è ora in corsa per le amministrative a Monreale, a non poter essere eletto perché indagato. Proprio i due ex coordinatori leghisti e i fratelli Caputo, secondo la Procura, avrebbero indotto i cittadini a votare un candidato scambiandolo per un altro. Inoltre, si ritiene che tra le due elezioni sia stato organizzato un sistema di scambi e promesse riguardanti ammissioni ai test delle facoltà a numero chiuso, esami di maturità, posti di lavoro. In questa faccenda si pensa siano coinvolti tanto esponenti del PD come Giuseppe Ferrarello quanto esponenti di liste civiche come “popolari e autonomisti” di Filippo Maria Tripoli, sostenuto, al tempo, da Cuffaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *