Calo di rimpatri? Falso: Salvini più duro di Minniti (PD)

“Minniti (PD) ha fatto più rimpatri di Salvini”: è una falsa manipolazione dei dati. E’ il leader della Lega ad averne effettuati in numero maggiore, in termini percentuali.

In questi giorni diverse testate giornalistiche hanno affermato che l’ex ministro degli esteri Marco Minniti (PD) ha effettuato più rimpatri rispetto all’attuale ministro, Matteo Salvini. Ma è falso e la notizia si basa su una manipolazione disonesta dei dati. Vediamo perché.

Tutto parte da un confronto fra il numero dei rimpatri nei mesi di giugnoluglio e agosto dell’anno precedente (2017, con Minniti all’Interno) e quelli degli stessi mesi di quest’anno (2018, con Salvini).

 

I calcoli

Effettivamente, stando ai dati del Viminale, il numero di rimpatriati è stato di 1506 nel periodo del 2017 e di 1296 nel periodo del 2018. Ma questi dati, a differenza di quanto hanno fatto alcuni quotidiani online, devono essere confrontati con il numero di sbarchi!

Nel periodo giugno, luglio e agosto del 2017 gli immigrati sbarcati sono stati 38.503 mentre nel 2018 il numero è stato di 6.338 (circa 32mila in meno).

Se mettiamo in rapporto il numero di rimpatri con il numero di sbarchi, ci renderemo conto che nel 2017 il numero dei rimpatriati è stato del 3,91% , mentre nel 2018 i rimpatriati sono stati 20,45% del totale.

Ricapitolando:

Minniti: 3,91%

Salvini: 20,45%

In conclusione: Salvini ha effettuato più rimpatri di Minniti.

Ci sarebbe poi da confrontare quanti di coloro sbarcati nel 2017 e nel 2018 avessero diritto di permanenza e quanti dovessero invece essere rimpatriati, per capire chi fra i due è stato più “efficiente”, ma questi dati per il 2018 non sono ancora usciti (visto che l’anno non è terminato). Rimane però da ricordare, a dovere di cronaca, che stavolta la matematica dà ragione a Salvini.

 

Alleghiamo qui la tabella con i dati:

Fonte: www.termometropolitico.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *