Approvata Manovra del popolo con deficit al 2,4%: Piazza Affari in rosso e lo Spread schizza a 280

Il Reddito di cittadinanza e la Flat tax fanno paura agli investitori e alle borse: chi avrà ragione?

All’indomani del Consiglio dei Ministri che, poco dopo le 23, ha approvato la Manovra del Popolo lo Spread è schizzato a quota 280 punti base. Ciò che ha scosso i mercati è stata la decisione di aumentare rapporto tra deficit e Prodotto interno lordo al 2,4% nel prossimo triennio, ben oltre il previsto 1,6% (ma al di sotto della soglia massima consentita dall’Ue del 3%).

Ecco com’è aumentato nei mesi del nuovo Governo:

 

Piazza Affari soffre

Giornata nera per Piazza Affari dove il Ftse Mib (il più importante indice di Borsa italiano) perde oltre il 4%.

Il contraccolpo borsistico, si sa, non è isolato e si ripercuote anche sul settore bancario, dove la perdita di valore dei Btp comporta rischi per il patrimonio degli istituti bancari. Acnhe le altre borse europee ne risentono, ma con conseguenze meno marcate: Londra perde lo ,57%, Francoforte l’1,237% mentre Parigi cede lo 0,74%. Risente della tensione anche l’euro che si abbassa a quota 1,160 contro il dollaro (mentre ieri era a 1,65).

 

Il commento dell’Ue

La vicenda italiana è molto seguita dagli osservatori internazionali.

L’aver sforato la soglia attesa dall’Ue (dell’1,6/1,8%) e aver messo i conti pubblici su una traiettoria più incerta, secondo Krishna Guha di Evercore ISI “è un esito deludente dal punto di vista dell’avversione al rischio” da parte degli investitori, che lo vedranno come un campanello d’allarme per ritirarsi dagli asset più rischiosi. “Ma resta nella ‘zona grigia’ piuttosto che entrare in quella ‘rossa’”.

In conclusione, gli investitori privati e istituzionali sono fortemente spaventati dalla manovra approvata stanotte che indebita ulteriormente l’Italia e che se non avesse gli effetti sperati dal Governo, complicherebbe ulteriormente la situazione economica italiana. Sarà stata una mossa vincente quella del governo Conte? Chi avrà ragione? Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *